Il codice sulla crisi di impresa: una chance per le aziende in difficoltà Il codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza nasce col preciso scopo di attuare un pieno e definitivo superamento della vetusta legge fallimentare. Esso include, tra l’altro, le norme sul sovraindebitamento del privato previste dalla L. 3/2012, con sensibili miglioramenti a favore dei soggetti destinatari e cioè privati, titolari d’azienda, gruppi di imprese e commercianti.

La prima esigenza del legislatore consisteva nell’abbandonare la cultura punitiva nei confronti delle aziende in dissesto, fino a ieri costrette a chiudere senza appello di fronte a situazioni debitorie irrisolte e oggi invece incoraggiate a tenere in piedi l’attività con una seconda chance garantita “ex lege”. Un cambiamento culturale prima ancora che legislativo, frutto di una considerazione diversa di ruolo e diritti del debitore in passato posto su un piano di totale subalternità rispetto al potere statale.

leggi l’articolo completo su digitalap

hai letto i nostri articoli sul dossier dipendente?