Obbligo di registrazione orario

Obbligo di registrazione orario, il ruolo del consulente del lavoro

Come far fronte all’obbligo di registrazione dell’orario di lavoro per tutte le imprese europee: il ruolo del consulente del lavoro

Secondo quanto stabilito dalla normativa europea vigente, in base a una recente sentenza della Corte di Giustizia dell’UE, in ogni Stato dell’Unione Europea devono essere previsti adeguati strumenti posti a tutela della regolarità dei rapporti di lavoro, con specifico riferimento all’obbligo di registrazione dell’orario di lavoro del singolo dipendente. Si tratta quindi di verificare il rispetto delle prestabilite scadenze dei turni su base giornaliera, settimanale e mensile e non certo di predisporre moderne forme di controllo automatizzato e a distanza del lavoratore. In tal modo, eventuali strappi alla regola in materia di ferie e ore di straordinari non retribuite potranno essere contrastati sul nascere, con immediate contromisure a disposizione della parte debole del contratto, tenuta al riparo da vessazioni e abusi difficilmente dimostrabili davanti in sede legale.

Clicca qui per leggere l’articolo completo

Hai letto gli altri nostri articoli? clicca qui

Read More
dal cartellino al web

DAL CARTELLINO AL WEB, PERCHÉ CONVIENE? ECCO COME RINASCE LA REDDITIVITÀ DEL SERVIZIO PAGHE

Rendere redditivo il servizio paghe? Facile con i servizi integrati

La digitalizzazione ha cambiato la nostra vita ma soprattutto il nostro modo di lavorare, rendendo più snelle e veloci moltissime operazioni. In un momento storico in cui i margini di guadagno sono sempre più ridotti e la competitività sempre più accesa, è necessario che gli studi diano ai propri clienti delle risposte veloci, ovvero delle risposte capaci di configurarsi come un valore aggiunto per le aziende. Ciò significa che gli studi consulenziali devono essere in grado di assicurare quel ritorno economico tanto atteso dai loro clienti. I consulenti che si occupano di elaborazione delle paghe devono puntare, quindi, su prodotti i digitali pensati per l’integrazione dei servizi. Ma come funziona praticamente? L’azienda cliente, collegandosi al portale, inserisce i dati inerenti le anomalie del personale (straordinari, assenze ecc.) i quali, una volta acquisiti e integrati con il software paghe, rendono immediata la preparazione dei cedolini.

Se il professionista offre un servizio integrato che va oltre la tradizionale elaborazione delle buste paga, aumenta le proprie possibilità di business e crea una produttiva fidelizzazione dei suoi clienti. Questi aspetti sono sicuramente molto importanti ma non sono gli unici. Infatti, la possibilità di utilizzare strumenti per interfacciarsi in qualsiasi momento con il cliente consente al consulente del lavoro di evitare di perdere tempo con la pratica di inserimento dei dati (essi, infatti, vengono inseriti dal cliente) e di erogare, invece, consulenza e assistenza in maniera diretta. Utilizzando il software connesso e integrato, diventa possibile, e facile, rispondere anche alle necessità di quelle aziende che dispongono di più sedi.

continua a leggere su digitalap.it

hai letto l’articolo sul dossier dipendente? clicca qui

Read More